T. +39 0165 230131 · F. +39 0165 060740 · info@edilvicostruzioni.com · Via Trottechien, 35/c 11100 Aosta (AO) Italia · P.IVA C.F.: 00655840072

Codice Etico

ACCURATEZZA, INNOVAZIONE, AFFIDABILITÀ E CURA DEL CLIENTE

La soddisfazione del cliente è il principale obiettivo della nostra organizzazione, per questo grande attenzione viene dedicata all’innovazione ed a ogni fase del progetto/esecuzione dei lavori per assicurare qualità e prestazioni durevoli nel tempo, ottimizzazione dei consumi e massima efficienza nel rispetto dei tempi dichiarati e dei requisiti contrattuali prestabiliti.
Affidabilità, concretezza e scrupolosità durante ogni fase di gestione della commessa vogliono essere valori riconosciuti alla nostra azienda che finalizza ogni attività nella creazione di valore mediante la competenza, il senso del dovere e l’impegno costante del nostro team. Le nostre risorse di comprovata esperienza provvedono ad aggiornamenti continui sull’innovazione dei processi costruttivi e dei nuovi materiali al fine di garantire al cliente i migliori standard prestazionali e qualitativi nell’ambito di realizzazioni all’avanguardia.

TRASPARENZA

Chiarezza di preventivi e studi di fattibilità, capacità di dialogo e di dare valore ad un rapporto fiduciario, sono elementi chiave per stabilire con gli stakeholders rapporti franchi e improntati alla collaborazione reciproca.

ECOSOSTENIBILITÁ E PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

Superando le mode e le tendenze spesso vacue, è necessario promuovere una presa di coscienza verso un’edilizia sostenibile ed ecologica come reazione all’attuale grave crisi ambientale di cui anche l’attività del costruire è pienamente responsabile. Effettivamente il patrimonio costruito mondiale è responsabile del 40% dell’inquinamento totale, un terzo circa sul consumo totale di energia nel mondo; pertanto gli edifici contribuiscono al disastro ambientale con una percentuale che in media raggiunge il 50% sul totale delle emissioni di CO2.
Il mondo dell’architettura e dell’edilizia sono stati investiti dunque dal binomio “efficienza-sostenibilità” quando, a partire dai temi collegati al protocollo di Kyoto, si è arrivati alle recenti normative che introducono la pratica di realizzare edifici sempre meno “energivori”, meglio isolati e dotati di impianti più efficienti.
In quest’ottica l’Unione Europea sta puntando molto sulla riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente. Riqualificare un edificio storico significa intervenire sulla ristrutturazione degli edifici esistenti, rilanciare l’edilizia a partire dalla riqualificazione urbana, dalla manutenzione del territorio e delle infrastrutture e stabilizzare ed estendere gli incentivi per il risparmio energetico e la sicurezza antisismica degli edifici privati e pubblici, dagli edifici comunali a quelli privati, ai mezzi pubblici, alla pianificazione urbana, fin nella gestione della filiera dei rifiuti ed alle integrazioni tecnologiche.
E se da un lato quindi in questo periodo di cambiamenti e riforme, si spera e si attendono nuove misure finanziarie e forti incentivi fiscali ed economici, condizioni primarie per incentivare una spesa/investimento per “l’efficientamento” del patrimonio edilizio e delle nuove costruzioni dall’altro è soprattutto importante far capire ad ogni cliente e committente, pubblico e privato, che costruire in maniera ecosostenibile ed efficiente è un investimento per il futuro, in primo luogo per la riduzione dei costi di gestione di un edificio in quanto costruire edifici che riducano il loro fabbisogno termico e siano dunque efficienti serve a risparmiare e quindi ottenere benefici di comfort ed economici per l’uomo e per il nostro pianeta.

ECO DESIGN

Eco design significa “design ecologico” ovvero creare progetti/prodotti di design ecosostenibile studiati e progettati per ridurre il loro impatto sull’ambiente, dalla fase di progettazione, produzione, utilizzo fino al loro smaltimento (LCA- valutazione del ciclo di vita di un prodotto).
Per evitare o mitigare l’impatto ambientale degli edifici sul territorio è importante seguire alcune linee guida, dettate dal buon senso. Tra cui: non prevedere modifiche allo stato attuale dei luoghi ma solo il ripristino delle caratteristiche originali dei fabbricati; rispettare le misure e le dimensioni dell’edificio originale, mantenendo le caratteristiche peculiari della costruzione originale o delle costruzioni vicine; adoperarsi affinché il terreno circostante rimanga integro e invariato, senza alcun disboscamento né taglio, né aumento di cubatura né di superficie e non prevedere aumenti di volume o superfici sopra la linea del terreno; scegliere intonaci di colore chiaro; riprendere le vecchie murature o vecchi sistemi costruttivi locali, come originali; utilizzare infissi in legno o similari a quelli preesistenti; scegliere elementi e materiali per le loro caratteristiche di traspirabilità, resistenza meccanica e provenienza naturale locale (a Km Zero) compatibili con le caratteristiche ambientali e tecnologiche dell’edificio.

LIMITAZIONE DELL’IMPATTO PAESAGGISTICO

Il territorio è spesso vincolato paesaggisticamente e tutti progetti devono mirare ad inserirsi perfettamente nell’ambiente e nel territorio circostante affinchè gli edifici non devono deturpare l’ambiente ma inserirsi armoniosamente in esso.

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

In questo settore l’Italia, sconta un ritardo clamoroso se si pensa che il consumo energetico di un’abitazione italiana è tra le 3 e le 5 volte più alto di quelli di paesi come la Germania, l’Austria e la Danimarca, cioè di paesi con un clima più rigido e quindi meno favorevole.

COMPETENZA DEI TECNICI

È indispensabile garantire una formazione adeguata dei tecnici mirata ad ottenere gli obbiettivi normativi previsti ed avere una visione più completa e sistematica delle progettazioni e riqualificazioni, i progettisti e gli addetti dell’impresa devono essere oggi veri e propri “project manager” con intraprendenza e spirito di iniziativa. L’organizzazione ha individuato percorsi formativi specifici per accrescere la sensibilità e la consapevolezza di tutte le risorse aziendali sulle tematiche della sostenibilità e la loro capacità di interagire con ogni attore/portatore di interesse nell’ambito delle commesse aziendali.

SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO

Il settore delle costruzioni è uno dei settori produttivi a più alto rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori incidendo in maniera rilevante nel panorama complessivo delle denunce di infortunio, sia per l'elevata frequenza infortunistica quanto per l'ancor più elevata gravità delle lesioni.
EDILVI ritiene fondamentale che, sul lavoro, sia garantito il rispetto dei diritti umani e la tutela della dignità individuale e pertanto si impegna per garantire concretamente il rispetto delle normative di legge in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro, assicurando luoghi e ambienti di lavoro adeguati agli standard nazionali e internazionali in materia.
La salute dei dipendenti e collaboratori non è da intendersi solo come assenza di malattie ma anche come benessere psichico, fisico e sociale, che può essere garantito mediante i seguenti principi di organizzazione:

  • ridurre al minimo i rischi;
  • valutare i rischi che non possono essere eliminati;
  • combattere i rischi all’origine;
  • adattare il lavoro all’uomo, in particolare per quanto concerne l’organizzazione e la concezione dei posti di lavoro, la scelta delle attrezzature, dei metodi di lavoro e di produzione;
  • seguire l’evoluzione tecnica;
  • sostituire ciò che è pericoloso con ciò che non lo è o lo è di meno;
  • pianificare la protezione della salute in modo tale che gli aspetti individuali, tecnici, organizzativi e sociali e tutte le loro interazioni siano considerati nel loro insieme;
  • accordare la priorità alla protezione della salute a carattere collettivo piuttosto che individuale;
  • istruire i dipendenti in modo appropriato; questo comporta l’istruzione sull’applicazione e sulla sua sorveglianza nonché la formazione a tutti i livelli dell’organizzazione.